carmet

ufficio_tecnico_carmet
Q74A5755_sm_crop
Q74A5508-2sm

 

⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄

GUIDATI DALLA PASSIONE

¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯
Dal 1978 CARMET realizza parti, componenti e strutture metalliche per impianti industriali, focalizzando la propria attività sulla produzione di manufatti singoli o serie limitate. CARMET pone particolare attenzione alle variegate esigenze del Cliente, collaborando alla puntuale realizzazione delle sue richieste con la propria capacità operativa e co-progettuale supportate dal continuo rinnovamento tecnologico.
¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯


 

LA NOSTRA STORIA

⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄

1978: FONDAZIONE

¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯
CARMET nasce nel 1978 fondata da nostro padre Gianfranco Lessio insieme con il socio Carlo Bortolotto. In principio l’azienda si occupa di lavori di piccola manutenzione, mentre solo negli anni successivi comincia l’attività di carpenteria. In questa fase, mentre il socio continua sul settore manutenzione rivolgendosi alla clientela privata con la carpenteria, nostro padre inizia a dedicare le proprie risorse ad una clientela industriale, dimostrando fin da allora la propria lungimiranza.
¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯


carmet_primo_sito_produttivo

⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄

1979-1985: IL PRIMO SITO PRODUTTIVO

¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯
Nel 1979 il trasferimento di CARMET da un piccolo sottoportico al primo capannone in affitto nel comune di Zoppola e l’acquisizione delle prime importanti commesse per il settore industriale, al punto che uno dei primi clienti dell’epoca è tutt’oggi un cliente fidelizzato. Le nuove commesse rendono necessario acquistare i primi macchinari per la lavorazione della lamiera ed assumere collaboratori, tanto che le stesse mogli dei titolari impiegano il proprio tempo libero aiutando in azienda. E’ in questo periodo che, nei pomeriggi trascorsi giocando nel giardino di fronte al capannone, comincio ad osservare le cose realizzate da nostro padre con le sue attrezzature, prendendo quasi confidenza con questi strani e grandi macchinari, giganti di ferro agli occhi di un bambino.
¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯


carmet_consapevolezza

⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄

1985-1991: LA CONSAPEVOLEZZA

¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯
Verso la metà degli anni ‘80 la necessità di soddisfare le esigenze sia logistiche sia operative legate alla fabbricazione di elementi sempre più grandi, crea l’occasione di un nuovo trasferimento in un capannone più consono a questo scopo. La passione per il gioco diventa passione per il lavoro: così durante le vacanze estive comincio ad inserirmi in azienda per osservare ed imparare. Nel tempo, le commesse sono sempre più numerose e complesse: la decisione di costruire un capannone di proprietà, con tutte le caratteristiche adeguate alle necessità operative, diventa così per CARMET logica conseguenza di un processo di crescita consapevole.


carmet_sede

⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄

1991-1998: LA PRIMA SVOLTA

¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯
Nel 1991 CARMET ha finalmente un opificio di proprietà. Il lievitamento dei costi di fabbricazione genera tuttavia uno stato di tensione finanziaria per l’azienda che solo la tenacia imprenditoriale di nostro padre unita al supporto di nostra madre Grazia Pighin, riusciranno a superare con la consapevolezza che, pur affrontando lunghi periodi di sacrifici, le sfide possono essere vinte purchè tutti siano uniti su questo obiettivo.
Evidentemente il pensiero di Carlo non era in sintonia con lo spirito di sacrificio di nostro padre: così nel 1994 i due soci decidono di separarsi.
CARMET diventa completamente di proprietà della famiglia Lessio, con tutto ciò che questa scelta comporta ma con la ferma convinzione di affrontare le nuove sfide con grinta e determinazione. La lungimiranza di nostro padre è tale anche nei confronti della tecnologia: di questo periodo l’acquisto del primo Mac con un software personalizzato in grado di gestire le informazioni.
Ricordo bene questa fase nella storia di CARMET: il mio impegno in azienda durante le vacanze come apprendista nello svolgere le mansioni più differenti, cercando di dare un senso pratico al mio percorso di studio, cominciando anche a monitorare alcune criticità sulle quali mettere in pratica le nozioni acquisite.
Diplomato nel 1996 con la qualifica di Tecnico delle Industrie Meccaniche, finalmente nel giugno del 1998, al termine del servizio militare, l’assunzione a tempo pieno nell’azienda di famiglia.
Acquistiamo il primo software CAD per gestire le informazioni tecniche in maniera più precisa e veloce cui seguono ulteriori importanti investimenti in macchinari CNC, in particolare una cesoia, una piegatrice e una punzonatrice.
¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯

prima_cesoia
prima_piegatrice
prima_punzonatrice

 

Nonostante il mio iniziale scetticismo verso questo tipo di investimento, considerato che i collaboratori dell’epoca non possedevano le competenze e nemmeno l’ attitudine a lavorare con un determinato tipo di attrezzature, ancora una volta la caparbietà di nostro padre – sicuro che sarei riuscito a far funzionare le cose – si dimostra vincente e per me ancora più stimolante vista l’estrema fiducia riposta nella mia persona.
Notevole in questo senso l’impiego di energie da dedicare alla formazione e al successivo utilizzo delle nuove attrezzature con i relativi software operativi in lingua inglese.
Devo ammettere che, come spesso accade, l’ostacolo più difficile da superare in questa fase è stata la resistenza al cambiamento di mentalità da parte dei collaboratori e la loro difficoltà di adattamento alle nuove tecniche operative.
¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯


2003_taglio_laser

⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄

2000-2003: LA CONFERMA DELLE SCELTE

¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯
Nel 2000 nostra madre, signora Grazia, entra definitivamente in azienda, portando in CARMET alcuni principi di cultura commerciale e mettendo direttamente a frutto il bagaglio di competenze acquisito alle dipendenze di una grande azienda internazionale.
Per quanto riguarda il gestionale da poco introdotto, si cominciano ad analizzare i dati rilevati al fine di valutare l’effettiva coerenza tra prezzi di vendita e costi di produzione con l’obiettivo di ottimizzare le risorse disponibili.
Due anni più tardi decidiamo di ampliare le competenze dell’ ufficio tecnico avvalendoci della collaborazione di un ingegnere con l’ obiettivo di ampliare i servizi offerti ai nostri clienti attraverso la consulenza anche in sede di progettazione del particolare da realizzare.
A questo scopo nel 2003 viene introdotto nell’ufficio tecnico il sistema CAD tridimensionale SOLIDWORKS che in futuro sarebbe diventato uno strumento indispensabile per razionalizzare l’ utilizzo delle risorse e delle informazioni in azienda.
Acquistiamo le prime due postazioni con le relative Workstation mentre gli accessi alla rete aziendale vengono gestiti da un server a protezione delle informazioni sensibili.
Il contributo dato da questa nuova tecnologia avanzata è tale che prima della fine dell’anno acquistiamo il primo Sistema di Taglio LASER, che ci avrebbe successivamente garantito un’ulteriore spinta operativa e una nuova forza commerciale.
¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯


⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄

2005-2007: ALEX

¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯
In questo periodo anche mio fratello Alex, che come me da bambino aveva annusato l’odore della lamiera giocando con un martello ed alcuni pezzi di ferro, comincia a collaborare in azienda trascorrendo le proprie vacanze come apprendista in produzione.
Nel 2005 si consolida l’esigenza di gestire in maniera più precisa le specifiche competenze dei collaboratori al fine di migliorarne le performance sfruttando al meglio le tecnologie disponibili, per generare quegli utili necessari ad un ulteriore salto di qualità.
Seguiamo così i primi corsi di formazione sia in produzione sia all’interno dell’ufficio tecnico, mentre è solo con la mia enorme passione che inizio a documentarmi sulle tecniche di produzione lean che avevo solamente accennato a scuola.
Puntando sulla progettazione quale competenza distintiva della nostra azienda, inseriamo un altro collaboratore per l’ufficio tecnico e acquistiamo una nuova postazione CAD tridimensionale SOLIDWORKS.
Nel luglio del 2006 Alex, terminato il ciclo di studi con il diploma di Perito Meccanico, entra a tempo pieno in azienda dividendosi tra ufficio tecnico e produzione.
Nello stesso anno, l’aggravarsi della malattia di nostro padre determina un ulteriore cambiamento nel mio ruolo in CARMET.
Al fine di sollevarlo nelle decisioni e informarlo costantemente sull’ andamento delle commesse, decido di seguire in maniera analitica sia la produzione sia la clientela.
L’obiettivo di questi anni è quello del miglioramento: dall’utilizzo dei dati attraverso la personalizzazione del gestionale esistente, reperire le informazioni nella maniera più rapida e ordinata possibile con lo scopo di creare un sistema che permetta a tutti di concentrarsi su attività che generano valore piuttosto che sprecare risorse in attività che oltre a non creare valore, rendono imprecisa la gestione stessa delle informazioni.
¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯


soci_carmet

⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄

2007 – OGGI: UN NUOVO FUTURO

¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯
Purtroppo nel gennaio del 2007 un altro importante accadimento segna la storia di CARMET. La scomparsa di nostro padre, fondatore dell’azienda, rappresenta un duro colpo che per noi, forti della passione e dell’insegnamento ereditati, si trasformerà in uno stimolo a migliorarsi continuamente, vedendo crescere costantemente ciò che nostro padre aveva saputo creare. In assoluta controtendenza rispetto alla crisi generale del settore, dal 2008 ad oggi gli investimenti in macchinari di ultima generazione: una punzonatrice, una seconda piegatrice e un nuovo Laser appena installato, si sono aggiunti alla tecnologia CARMET per soddisfare ogni esigenza del cliente.
L’implementazione dell’ufficio tecnico attraverso software dedicati e professionalità altamente qualificate, il ringiovanimento generale dell’azienda anche nelle figure dei collaboratori in produzione, l’approccio strategico nelle decisioni e il controllo analitico delle performance rappresentano i nuovi strumenti operativi di CARMET.
Risoluzione dei problemi, flessibilità, affidabilità, cura del dettaglio i valori fondanti per affrontare le nuove sfide del mercato: innovazione continua che nasce da un cuore artigiano.
¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯
firme_alex_andrea
¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯



⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄⁄

“Non è il più forte che sopravvive, nemmeno il più intelligente, bensì il più reattivo al cambiamento”

¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯
(Charles R. Darwin- 1859)
¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯